GLI IMPIANTI DENTALI

Cosa sono gli impianti dentali (impianti osteointegrati)?

L’impianto dentale è una struttura in titanio di forma cilindrica o tronco conica che sostituisce la radice del dente perduto. Sugli impianti dentali è possibile ancorare la parte visibile dei denti (corona dentale) ripristinando il comfort, la funzionalità e la bellezza dei denti sani in modo stabile e duraturo.
Gli impianti dentali, in odontoiatria, rappresentano l’innovazione più importante degli ultimi quattro decenni.

Come funzionano gli impianti dentali?

Gli impianti dentali permettono di sostituire permanentemente il dente, i gruppi di denti mancanti o addirittura tutti gli elementi delle due arcate.
La moderna implantologia si basa sul rapporto intimo che si forma fra il titanio, con cui è costruita la radice artificiale e l’osso circostante che lo ingloba (osteointegrazione) senza attivare fenomeni di rigetto da parte del sistema immunitario.

Gli impianti dentali sono sicuri?

Gli impianti dentali rappresentano oggi la tecnica di elezione per la sostituzione dei denti mancanti evitando protesi rimovibili o, peggio, la limatura (preparazione dentale) di denti sani per utilizzarli come ancoraggio di protesi parziali fisse (ponti o bloccaggi).

I risultati della odontoiatria tradizionale basata su ponti, protesi parziali rimovibili e dentiere, semplicemente non sono confrontabili con quelli raggiunti, utilizzando come ancoraggi, gli impianti dentali.

Perché usare gli impianti dentali?

Ogni qualvolta sia possibile, lo smalto e le strutture dentali sane vanno protette e lasciate integre.
Qualora un dente sia assente o, per una grave patologia a suo carico debba essere estratto, la scelta migliore per sostituirlo è rappresentata dall’utilizzo di un impianto dentale.
In alcune situazioni cliniche è possibile inserire gli impianti dentali contestualmente all’estrazione dei denti irrecuperabili (impianti post-estrattivi) ed addirittura inserire una protesi fissa contestualmente all’inserimento degli impianti (impianti a carico immediato); in altre parole il paziente può ricevere una ricostruzione fissa della sua dentatura nello stesso giorno in cui si effettuano le estrazioni e si inseriscono gli impianti.

Inserire gli impianti dentali è doloroso?

Il corretto inserimento degli impianti è una procedura assolutamente indolore che attualmente può essere effettuata in anestesia locale, in sedazione cosciente con protossido d’azoto o in sedazione cosciente farmacologica assistita da un medico anestesista.

Gli impianti dentali vanno bene per tutti i pazienti?

Assolutamente no!
Gli impianti dentali sono infatti una terapia chirurgica.
Tutte le terapie mediche o chirurgiche hanno una serie di situazioni cliniche che ne rendono appropriato l’uso (indicazioni) ed una serie di situazioni cliniche che lo sconsigliano (controindicazioni).
Ogni singolo caso deve essere attentamente vagliato durante le fasi preliminari di prima visita e di studio della situazione clinica allo scopo di ridurre al minimo il rischio di complicazioni o insuccessi. Vantaggi e svantaggi devono essere preliminarmente valutati dal clinico e comunicati in modo chiaro e completo al paziente; sarà così possibile stabilire se gli impianti osteointegrati siano, in quel particolare caso, il miglior piano di trattamento. Qualora gli impianti dentali fossero controindicati occorrerà individuare una serie di terapie alternative e, fra queste, scegliere quella più appropriata alla situazione clinica ed alle aspettative del paziente.